Libri

“180 Seconds” di @JessicaPark24

<strong><span style=”text-decoration: underline;”>Titolo:</span></strong> “180 Seconds”
<strong><span style=”text-decoration: underline;”>Autore:</span></strong> Jessica Park
<strong><span style=”text-decoration: underline;”>Genere:</span></strong> New Adult, Romance.
<strong><span style=”text-decoration: underline;”>DISPONIBILE SOLO IN INGLESE IN EBOOK E IN CARTACEO</span></strong>

Trama:
unnamedSome people live their entire lives without changing their perspective. For Allison Dennis, all it takes is 180 seconds…
After a life spent bouncing from one foster home to the next, Allison is determined to keep others at arm’s length. Adopted at sixteen, she knows better than to believe in the permanence of anything. But as she begins her third year in college, she finds it increasingly difficult to disappear into the white noise pouring from her earbuds.
One unsuspecting afternoon, Allison is roped into a social experiment just off campus. Suddenly, she finds herself in front of a crowd, forced to interact with a complete stranger for 180 seconds. Neither she, nor Esben Baylor, the dreamy social media star seated opposite her, is prepared for the outcome.
When time is called, the intensity of the experience overwhelms Allison and Esben in a way that unnerves and electrifies them both. With a push from her oldest friend, Allison embarks on a journey to find out if what she and Esben shared is the real thing—and if she can finally trust in herself, in others, and in love.

<h2 style=”text-align: center;”>VOTO: 5/5</h2>

Quando Jessica Park pubblica un libro, quello deve essere mio di principio. Non improta la trama, la leggo lo stesso, però so che sarà un libro che non mi deluderà. Di solito è il mio libro per le vacanze estive, ma questa volta sentivo che questo libro doveva essere letto il più presto possibile e non meritava di attendere agosto.
Come qualsiasi libro che si rispetti di Jessica Park, bisogna prepararsi a qualsiasi cosa. Bisogna essere pronti che la storia non si svilupperà come noi vorremmo, che i personaggi abbiano un passato non facile, ci sarà una parte che ci sconvolgerà e che piangeremo. Si, piangeremo sicuramente.
E’ la storia di Allison che ha passato tutta la sua vita in orfanotrofio fino a quando, al liceo, una coppia gay decide di adottarla. Anzi, Simon decide di adottarla perchè il suo compagno voleva un neonato, mentre Simon preferiva lei sin dal momento in cui ha visto la sua foto sulla bacheca dei bambini in cerca di una casa, in cerca di una vita stabile. Per Allison non è facile perchè non si fida di nessuno, vista la sua vita dove, le famiglie a cui veniva affidata, non la adottavano, non è che uno sia molto fiducioso nel prossimo. Quando si ritrova al college e costretta a condividere la camera con una ragazza, non fa i salti di gioia, ma la gioia arriva quando la ragazza non si presenta perchè passerà il primo anno altrove. E’ Simon ha preoccuparsi di questo. Allison è troppo chiusa in se stessa, troppo schematica. Ha bisogno di trovare amici per questa nuova vita. Qui entra in scena Esben con un piccolo scontro, ma è qualche giorno dopo che accade l’irreparabile.
Mentre Allison torna verso il college, dopo una giornata in un parco, una ragazza la trascina ad un esperimento sociale ed è lì che ritrova Esben. L’esperimento consiste nel guardare per 3 minuti, 180 secondi, una persona negli occhi, senza mai parlare o distogliere lo sguardo. Quei 180 secondi per i due hanno effetti disarmanti. Al termine i due hanno una reazione che nessuno mai si aspetterebbe, inclusi loro due. Qui inizia la loro storia che ci porterà a vedere l’evoluzione di Allison e a conoscere il cuore d’oro di Esben.
Intorno a loro due c’è la migliore amica di Allison, Steffi, anche lei reduce da una vita in orfanotrofio, dopo che i genitori l’hanno abbandonata perchè malata di cancro, e mai adottata. E’ Steffi a spronare Allison a buttarsi, ad avvicinarsi ad Esben, ma sarà lei stessa ad allontanarsi da Allison a causa del cancro che è tornato e che non vuole Allison con lei per i suoi ultimi giorni, ma cambierà idea. Steffi chiederà ad Esben di rispettare il suo volere di portare Allison lontana da lei, ma quando Allison lo scoprirà, non sarà del tutto semplice. Tutto si romperà. Come finirà tra Esben e Allison?

Se hai letto almeno un libro di Jessica Park, sai già che ti troverai davanti un libro con personaggi con un passato difficile. Persone che affrontano il loro passato nel libro, ma che lo faranno imparando a essere più positivi, più speranzosi. Sono libri che ti portano speranza, in qualche modo. Una speranza di trovare una persona dal cuore puro, come Esben. Qualcuno che ti aiuta a crescere, che ti insegna che il mondo, perfido che sia, non è del tutto negativo. Qualcuno che ti permette di vedere il mondo con un’altra prospettiva. Qualcuno che ha vissuto una vita diversa dalla tua, ha una visione da un punto di vista diverso dal tuo e che ti dimostra che nel mondo ci sono persone buone. Esben è una di quelle persone. Esben dimostra che le persone sono buone, ma ci sono molte persone ciniche e perfide. Anche lui ci rimane malissimo quando si rende conto che esistono persone così perfide che sono leoni davanti allo schermo di un computer e agnelli nella vita reale. Sono quelle persone da ignorare, da lasciar stare perchè, anche se ti applichi a fargli capire le cose, non le capiranno mai. Sono ottusi. Queste sono le persone che, purtroppo, Allison ha conosciuto sempre ed è per loro che non ha fiducia nel prossimo. Esben la fa crescere, anzi, crescono insieme e si curano a vicenda.
Riassumendo. E’ un libro di Jessica Park. Fa piangere, fa ridere, fa amare, fa sperare, fa desiderare e sognare. Ti coinvolge dalla prima parola e ti rapisce in un storia unica, ma che potrebbe capitare a chiunque e a tutti i giorni nostri. Dimostra che i social network sono il male e che i leoni da tastiera sono dietro l’angolo per qualsiasi cosa. La storia scorre veloce, ti culla all’inizio per poi darti una mazzata sul finale. Finale che ti distrugge ancora di più, ma in modo buono. Un finale senza pecche, perfetto. Il libro è perfetto, tranne per la parte centrale che mi sembrava quasi portare alla fine del libro, ma era solo perchè ci stava preparando alla sberla di Steffi. Non ci si annoia mai con i libri di Jessica.
Livello di inglese? Da tutti i giorni. Semplice, non complicato. Come leggere un libro in italiano senza parole difficili, perciò, se siete agli inizi e volete leggere qualcosa in inglese, questo va bene e anche gli altri di Jessica. E’ l’inglese di tutti i giorni. Provate per credere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...