Libri

‘Matilde’ di Roald Dahl

Autore: Roald Dahl10152418_808186279230815_9134135052869618341_n

Genere: Libri per bambini

Casa Editrice: Salani

DISPONIBILE IN CARTACEO E IN EBOOK

Trama:

Matilde ha imparato a leggere a tre anni, e a quattro ha già divorato tutti i libri della biblioteca pubblica. Quando perciò comincia a frequentare la prima elementare si annoia talmente che l’intelligenza deve pur uscirle da qualche parte: così le esce dagli occhi. Gli occhi di Matilde diventano incandescenti e da essi si sprigiona un potere magico che l’avrà vinta sulla perfida direttrice Spezzindue, la quale per punire gli alunni si diverte a rinchiuderli in un armadio pieno di chiodi, lo Strozzatoio, o li usa per allenarsi al lancio del martello olimpionico, facendo roteare le bambine per le trecce e lanciandole lontano. L’intelligenza e la cultura – sembra dire l’autore – sono le uniche armi che un debole può usare contro l’ottusità, la prepotenza e la cattiveria.

 

VOTO: 4 su 5

 

Avevo visto il film anni fa e non sapevo fosse tratto da un libro. Ricordo che il film mi era piaciuto ai tempi. Complice la 2015 Book Challenge, l’ho scoperto e, coincidenza vuole, è stato pubblicato proprio l’anno della mia nascita in lingua originale. In Italia è stato pubblicato l’anno dopo, nel 1989.

Matilde è una bambina con un’intelligenza sopra la media. A quattro anni legge e sa scrivere. Esce di casa quando i genitori non la vedono e va in biblioteca a fare scorta di libri da leggere. Matilde legge prima tutti i libri per bambini e poi passa a quelli di celebri autori, come Dickens, consigliati dalla bibliotecaria.

Matilde è una bambina sveglia, coraggiosa e pronta a battersi per le ingiustizie. Già a quattro anni fa la paladina per difendere gli innocenti. Inizia a punire i suoi genitori, specialmente suo padre, con piccoli dispetti. Stupenda è quando usa il pappagallo dell’amico nascosto nel camino o l’episodio della supercolla o la tinta. E’ brava e non si fa mai beccare.

Quando arriva a scuola ha un livello di istruzione superiore ai compagni proprio perchè passava il suo tempo a leggere mentre era a casa.

A scuola conosce la sua insegnante, la signorina Dolcemiele. Un donna giovane, dolce e amorevole con tutti gli alunni. La signorina Dolcemiele capisce che Matilde è intelligente, ma la signorina Spezzindue, direttrice della scuole, non lo permette.

La signorina Spezzindue è la cattiva del libro. Dalla corporatura di un armadio e dalla forza di un lanciatore di peso, incute terrore agli alunni, tranne a Matilde o giusto un pochino.

Matilde si oppone alla Spezzindue per difendere la signorina Dolcemiele. Alla morte del padre di Betta, la Spezzindue si è appropriata di tutto quello che aspettava a Betta, casa e soldi compresi.

La scena più bella è quando Matilde, con l’aiuto dei suoi superpoteri, mette in fuga la Spezzindue. Quella scena è stata stupenda!

 

Recensire questo libro mi fa un po’ ridere perchè è un libro per bambini e io non sono più una bambina, ma tornare bambini ogni tanto non è male.

Matilda è una bambina forte, coraggiosa e determinata a difendere chi ama. E’ un insegnamento molto importante per un bambino, come non smettere mai di sognare cose belle. Matilde, con il racconto della vita della signorina Dolcemiele, viene a consocenza di un mondo che lei ignora completamente. Un mondo con una donna cattiva e approfittatrice che non ha scrupoli per nessuno. La Spezzindue è il classico ‘tutto fumo e niente arrosto’. Dal suo aspetto da dura e minacciosa, in realtà, ha più paura lei del prossimo che di qualsiasi altra cosa. Non ama i bambini, forse perchè le bagnerebbero il naso con la loro piccola intelligenza. Odia chiunque abbia intorno. Nel momento in cui vede qualcosa che la spaventa, scappa a gambe levate senza guardarsi indietro perchè sa di aver fatto qualcosa di sbagliato. La signorina Dolcemiele è talmente dolce e talmente timida da non riuscire ad opporsi alla Spezzindue. Non la si può definire una debole perchè, anche nel suo piccolo, si è opposta alla Spezzindue andandosene e vivendo in quella piccola casetta. La signorina Dolcemiele è un buon esempio. Fa un lavoro che ama, non si fa scoraggiare dalle difficoltà e si allontana da ciò che non è giusto per lei. Si, ok, lavora alla scuola della Spezzindue, ma fa il suo lavoro in modo giusto e dignitoso. Fa in modo che i bambini si divertano in quel carcere di scuola. E’ un’ottima insegnante.

Un libro da leggere sicuramente quando si è bambini per poter sognare di avere dei superpoteri con cui muovere gli oggetti e di avere una maestra stupenda come la Dolcemiele. Un libro che ti insegna a difendere chi ami anche se si è piccoli.

Roald Dahl ha scritto un libro per bambini stupendo e la versione con la rappresentazione dei personaggi è la ciliegina sulla torta. Permette ai lettori, grandi e piccoli, di immaginarsi le scene e i personaggi nello stesso modo in cui li vedeva lo scrittore.

Leggetelo, se non lo avete letto e leggetelo ai vostri figli o nipoti. Regalatelo ad un bambino per iniziarlo alla lettura. Matilde ha iniziato da sola a leggere, magari, regalandolo, ispirerete un bambino a fare lo stesso.

 

 

10857717_773784346004342_3966785280873999954_n

Letto per il punto 30- Un libro pubblicato nell’anno in cui sei nato

 

Annunci

1 thought on “‘Matilde’ di Roald Dahl”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...